Comunicato di Chiusura Convegno del 16 ottobre a Potenza

Convegno S.N.A. “La responsabilità amministrativa-contabile e la tutela degli amministratori e dei dipendenti pubblici”  

SEZIONE PROVINCIALE DI POTENZA

“La responsabilità amministrativa-contabile e la tutela degli amministratori e dei dipendenti pubblici” è il tema del convegno organizzato il 16 ottobre 2008 a Potenza e promosso dalla Sezione Provinciale del Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione. Un resoconto del convegno andrà in onda sul canale 829 di Sky e su RTB lunedì 27 ottobre alle ore 23.00.

L’incontro a cui hanno partecipato numerosi assicuratori, avvocati, magistrati della Corte dei Conti, amministratori e dipendenti pubblici, è stato incentrato sulle nuove prospettive che si aprono dopo l’approvazione della legge finanziaria per il 2008 (art. 3, comma 59 della legge 24/12/2007 n. 244).

Tra le novità una in particolare riguarda le pubbliche amministrazioni: la finanziaria infatti pone limiti e prescrizioni alla garanzia assicurativa relativa alla responsabilità amministrativa-contabile degli amministratori e dei dipendenti pubblici.

Il sindacato degli agenti di assicurazione, come ha evidenziato il presidente provinciale SNA-Potenza dott. Giuseppe Rinaldi, ha dunque ritenuto opportuno organizzare un convegno per informare ed approfondire la tematica mettendo a confronto i diversi protagonisti del settore:  la pubblica Amministrazione, la Corte dei Conti, l’Avvocatura dello Stato, il mondo accademico, la classe forense, il settore assicurativo.

L’evento rientra nell’ambito dell’attività di informazione e formazione svolta sul territorio dal sindacato.

Numerosi e qualificati i relatori del convegno, tra cui l’avvocato dello Stato Domenico Mutino, l’avvocato Nicolino De Cantis esperto in diritto delle assicurazioni e tutela legale, il dott. Michele Oricchio procuratore regionale della Corte dei Conti, il prof. avv. Gennaro Terracciano professore ordinario di diritto amministrativo della seconda Università degli Studi di Napoli, il dott. Antonello Polerà responsabile enti pubblici AEC S.p.A.

Le ragioni dell’intervento legislativo sono scaturite in seguito al notevole incremento delle azioni intraprese dalle procure regionali della Corte dei Conti a tutela del patrimonio pubblico.

Assicurare gli amministratori ed i pubblici dipendenti per la responsabilità amministrativa con oneri a carico dell’ente pubblico datore di lavoro è una aberrazione in quanto, in tali casi, è il possibile creditore che assicura il proprio possibile debitore!

La soluzione del problema sta nell’esatta collocazione della natura pubblicistica e privatistica della responsabilità amministrativa, cioè della responsabilità verso la pubblica Amministrazione, che va tenuta nettamente distinta dalla responsabilità della pubblica Amministrazione.

Il procuratore dott. Oricchio ha affermato:“Orbene io credo che la responsabilità di cui ci occupiamo ha indubbi elementi sanzionatori che si inseriscono in un alveo risarcitorio e pertanto, la questione non può essere liquidata con il semplice riferimento a schemi civilistici. La norma in esame va dunque interpretata in maniera costituzionalmente orientata e il parametro è l’art. 28 della Carta fondamentale che configura lo stato giuridico di tutti coloro che svolgono una pubblica funzione (onoraria e professionale). Se così stanno le cose, può senz’altro affermarsi che allo stato attuale della legislazione è proibito stipulare polizze assicurative a tutela della responsabilità amministrativa di chicchessia con oneri economici a carico dell’ente di appartenenza (da identificarsi in qualsiasi organismo che fruisca di finanziamenti pubblici, e , dunque, anche società partecipate). Diverso è il discorso circa la stipulabilità di tali contratti ad opera e con oneri a carico dell’amministratore-dipendente per il quale non credo possa – allo stato attuale della legislazione – negarsi la possibilità di adottare tale forma di ‘ previdenza’ e, credo, che non possa nemmeno ritenersi vietata una intermediazione dell’ente datore di lavoro o di qualsiasi associazione (sindacale, ricreativa, …..) con la società di assicurazione al fine di offrire ai propri dipendenti amministratori le migliori condizioni per stipulare essi un contratto a copertura di tale rischio professionale”

Giuseppe Rinaldi
Presidente Provinciale SNA Potenza

Potenza, 23 ottobre 2008